Blog: http://Ideuskinki.ilcannocchiale.it

CONVERTITI & CULTORI della MATERIA



Il miracolo

 

Miracolo. Il Tg1 ha rivelato ieri sera ai suoi telespettatori che una donna, Patrizia D' Addario, possiede delle registrazioni su qualcosa che è avvenuto nelle feste a Palazzo Grazioli. Non ha detto quale sia il sospetto, non ha aggiunto che proprio da queste registrazioni è partita un' indagine per induzione alla prostituzione, né ha rivelato chi sia l' uomo misterioso con cui la D' Addario sarebbe andata a letto. In compenso, il direttore del telegiornale, Augusto Minzolini - un tempo soprannominato «lo squalo» - ha chiarito perché ha lasciato frollare per cinque giorni una notizia che ha fatto il giro del mondo, prima di darla (opportunamente sminuzzata e bollita) ai suoi telespettatori. «E' solo l' ultimo pettegolezzo del momento», ci ha spiegato, e lui di queste cose non si occupa. Così abbiamo assistito, in diretta, a un fenomeno unico: il primo squalo che è diventato vegetariano.  SEBASTIANO MESSINA

La prova della conversione:

Quando Minzolini disse “per i politici non c’è distinzione tra pubblico e privato”

Il tam-tam della Rete ha tirato fuori alcune significative dichiarazioni che il neo direttore del Tg1 rilasciò nel 1994:
«Le smentite a ripetizione – disse Augusto Minzolini -  rivelano solo che abbiamo una classe politica nuova che non ha ancora assimilato il fatto che un politico è un uomo pubblico in ogni momento della sua giornata e che deve comportarsi e parlare come tale. Oggi penso che se noi avessimo raccontato di più la vita privata dei leader politici forse non saremmo arrivati a Tangentopoli, forse li avremmo costretti a cambiare oppure ad andarsene. […] La distinzione fra pubblico e privato è manichea: ripeto, un politico deve sapere che ogni aspetto della sua vita è pubblico. Se non accetta questa regola rinunci a fare il politico»

La dichiarazione fa scalpore alla luce della nuova linea editoriale imposta dal giornalista al telegiornale che dirige: in un intervento in diretta all’indomani delle recenti elezioni, Minzolini ha definito “chiacchiericci” l’inchiesta di Bari sulle ragazze pagate per recarsi nelle residenze del presidente del consiglio Berlusconi.

Intanto, mentre in internet si moltiplicano appelli contro il black out del Tg1 sugli scandali sessuali che riguardano il premier, scende in campo anche l’assemblea nazionale dei Cdr Rai che in un nota ricorda al direttore Minzolini «qual e’ il compito del direttore di una testata del Servizio Pubblico, tenuta a raccontare e rappresentare, con tutti i punti di vista, i fatti che hanno rilevanza nella vita del Paese. Un impegno che mai può venir meno e mai può permettersi di tacere notizie o impedire una loro corretta e completa lettura».

Il cultore della materia:

"... donne, prostitute ... un fenomeno che sta dilagando ("), attirate in Italia con lo specchietto del lavoro nella moda, nel cinema, nella televisione. (") Su questo abbiamo fatto un disegno di legge che è intervenuto con delle pene elevate per chi sfrutta la prostituzione e per gli stessi clienti. Credo che queste pene siano estremamente giuste." Silvio Berlusconi 
http://www.facebook.com/video/video.php?v=1143660882646&oid=75034274647&ref=nf

Pubblicato il 25/6/2009 alle 11.30 nella rubrica :O( CLASSE DIRIGENTE.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web